Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies e non salva nessun dato personale automaticamente, ad eccezione delle informazioni contenute nei cookies. Leggi informativa

I Dal Pozzo di Moncalvo tra Ancien Régime e Restaurazione

15,00 €

Anna maria Bardazza Serralunga

Formato: 17x24 cm, 240 pagine 

ISBN 978-88-89280-94-2
Quantità

Anna Maria Bardazza Serralunga nota agli studiosi per le “Ricerche documentarie sulla cittadella di Casale Monferrato” testo fondamentale per la storia militare dell'antica capitale del Monferrato, si è dedicata con passione allo studio di carteggi relativi a personaggi vissuti in Piemonte e in Lombardia nel Settecento.

Frutto dell'appassionato scavo archivistico la pubblicazione di “Clelia Grillo Borromeo Arese. Vicende private e pubbliche virtù di una celebre nobildonna nell’Italia del Settecento”: una magistrale ricostruzione della vita della nobile genovese conosciuta dal celebre scrittore francese Montesquieu durante la sua vita a Milano.

Più di dieci anni or sono in un pregevole saggio pubblicato su “Studi Piemontesi”, Anna Maria Bardazza segnalava i lavori effettuati negli anni 1812-1816 all'interno e all'esterno di palazzo Dal Pozzo di Moncalvo dal pittore Pietro Fea, oggetto del viaggio d'autore “Affreschi mitologici del casalese Fea a palazzo Dal Pozzo”.

La ricerca, maturata nel tempo, ha portato alla realizzazione del convegno internazionale "Da Moncalvo all’Italia, dall'Italia all'Europa: l’avventura intellettuale di Giuseppe Maria Ferdinando Dal Pozzo”, organizzato  dal Comune di Moncalvo e dall’Associazione Idea Valcerina, nel quale Anna Maria Bardazza ha tenuto una relazione su “Carte e morie, L’archivio Dal Pozzo”. Un tema che ha dato corpo all’interessante volume “I Dal Pozzo di Moncalvo tra Ancien Régime e Restaurazione. Vicende storiche e appunti archivistici”.

Accurata e minuziosa l’opera di ricerca archivistica e storica sulla famiglia monferrinache per tre secoli ha avuto come punto di riferimento la città aleramica. Il libro è diviso in due parti: la prima contiene una precisa e avvincente ricostruzione della genealogia della famiglia Dal Pozzo, la cui presenza a Moncalvo è attesta fin dal 1571. La seconda parte ricostruisce l’interessante vicenda biografica e culturale di Giuseppe Maria Ferdinando Dal Pozzo.

(Moncalvo 1768 – Torino 1843), nono di dodici figli, cui “toccò… il ristorar la casa , e lo accrescerne la fortuna”, come scrisse nella lettera al nipote Ferdinando del dicembre 1838.Pur essendo “cadetto con prospetto di pochissima fortuna “ ebbe incarichi importanti in epoca napoleonica: decisivo, ad esempio, l’intervento diretto presso il primo console per il salvataggio di Palazzo Madama a Torino, dove fu uno dei personaggi pubblici più importanti definito da Stendhal “il Beniamin Constant du Piémont” e “l’aigle d’Augusta Taurinorum”. Costretto all’esilio a Ginevra, a Parigi e a Londra (dove l’ultrasessantenne sposò la ventiquattrenne Mary Richardson) per aver ricoperto la carica di Ministro degli Interni durante la breve reggenza di Carlo Alberto, il “conte monferrino” e “patriota europeo” rientrò in patria nel 1837 e trascorse gli ultimi anni della sua vita tra Moncalvo e Torino.

Un volume di fondamentale l’importanza, apprezzato dagli studiosi e accreditato come solida e organizza fonte di riferimento (grazie alla trascrizione in appendice, di documenti conservati nell’archivio Dal Pozzo di Montebello della Battaglia) delle vicende pubbliche e private di un personaggio che  ha dato al Piemonte e soprattutto alla città di Moncalvo, una rilevanza di carattere nazionale e internazionale.

Dionigi Roggero

In Monferrato 13 gennaio 2012

Registrare

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password